Coronavirus, Ministero del Lavoro: in nuovo Dpcm estesa possibilità ricorso a lavoro agile

27 febbraio 2020

Nel nuovo Dpcm attuativo del decreto sul Coronavirus, è prevista l'estensione del ricorso al lavoro agile.

Infatti, come stabilito dall'art. 2 del Dpcm, questa modalità è applicabile fino al 15 marzo 2020 per i datori di lavoro aventi sede legale o operativa nelle Regioni Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Lombardia, Piemonte, Veneto e Liguria, e per i lavoratori ivi residenti o domiciliati che svolgano attività lavorativa fuori da tali territori, a ogni rapporto di lavoro subordinato anche in assenza di accordi individuali.

Gli obblighi di informativa previsti dalla legge sono assolti in via telematica anche ricorrendo alla documentazione resa disponibile sul sito dell'INAIL.

Archivio news

 

News dello studio

mar23

23/03/2021

Non punibile per frode processuale il datore di lavoro che altera i luoghi ove è avvenuto l’infortunio

Pronunciandosi su un ricorso proposto avverso la sentenza con cui la Corte d’appello aveva confermato, anche agli effetti civili, la condanna nei confronti di un datore di lavoro per una serie

mar23

23/03/2021

Videosorveglianza senza accordo sindacale: lecita solo se l’unico scopo è la tutela del patrimonio

L’installazione di un impianto di videosorveglianza, in assenza di accordi sindacali, è lecito solo quando ha come finalità la tutela del patrimonio aziendale e soprattutto quando

ott22

22/10/2020

La responsabilità del legale rappresentante di società cooperativa per l’infortunio del socio lavoratore

In tema di sicurezza sui luoghi di lavoro, i soci delle cooperative sono equiparati ai lavoratori subordinati e la definizione di "datore di lavoro", riferendosi a chi ha la responsabilità della