Disciplina sui licenziamenti collettivi: vale per imprese oltre i 15 dipendenti nell’ultimo semestre

02 marzo 2020

In tema di licenziamenti collettivi per cessazione dell'attività d'impresa, l'art. 24, comma 1, legge 23 luglio 1991, n. 223, nel richiedere, ai fini dell'applicabilità della relativa disciplina, che le imprese "occupino più di quindici dipendenti", deve essere interpretato nel senso che il predetto requisito dimensionale non deve essere determinato in riferimento al momento della cessazione dell'attività e dei licenziamenti, ma con riguardo all'occupazione media dell'ultimo semestre, in analogia con quanto espressamente stabilito dall'art. 1, comma 1, della stessa legge n. 223 del 1991 ai fini dell'intervento di cassa integrazione guadagni straordinaria (Cass. civ. sez. Lav., 26/2/2020, n. 5240)

Archivio news

 

News dello studio

mar23

23/03/2021

Non punibile per frode processuale il datore di lavoro che altera i luoghi ove è avvenuto l’infortunio

Pronunciandosi su un ricorso proposto avverso la sentenza con cui la Corte d’appello aveva confermato, anche agli effetti civili, la condanna nei confronti di un datore di lavoro per una serie

mar23

23/03/2021

Videosorveglianza senza accordo sindacale: lecita solo se l’unico scopo è la tutela del patrimonio

L’installazione di un impianto di videosorveglianza, in assenza di accordi sindacali, è lecito solo quando ha come finalità la tutela del patrimonio aziendale e soprattutto quando

ott22

22/10/2020

La responsabilità del legale rappresentante di società cooperativa per l’infortunio del socio lavoratore

In tema di sicurezza sui luoghi di lavoro, i soci delle cooperative sono equiparati ai lavoratori subordinati e la definizione di "datore di lavoro", riferendosi a chi ha la responsabilità della